Get Adobe Flash player
BannerORTECeditore

le norme redazionali


Per pubblicare articoli sulla rivista, gli Autori si devono attenere alle seguenti NORME REDAZIONALI:


  1. Gli articoli inviati allo scopo di essere pubblicati devono essere originali, avere carattere scientifico, trattare di tecnica ortodontica, di ortodonzia e di tutto ciò che è correlato alla materia specifica.
  2. I lavori devono essere:
    - dattiloscritti in 4 copie nella stesura definitiva;
    - firmati per esteso;
    - inviati alla Segreteria ORTEC - Via Settevalli, 320 - 06129 Perugia.
  3. La pubblicazione degli articoli deve essere richiesta all'atto della spedizione, con domanda scritta ed autografa, unita alla dichiarazione attestante che il lavoro presentato non è stato pubblicato e non è in visione, o in attesa di pubblicazione, presso altre redazioni.
  4. I comitati redazionali scientifico e di lettura sono organi competenti a concedere l'approvazione alla pubblicazione e ad apportare inoltre eventuali necessarie modifiche ai testi, senza peraltro intervenire sul contenuto scientifico del testo.
  5. Gli elaborati realizzati nell'ambito di un Istituto, devono essere correlati dell'autorizzazione del Direttore dello stesso Istituto.
  6. Gli articoli che comprendono cartelle cliniche e/o iconografica di pazienti che cosi' diventano riconoscibili si accettano solo se congiunti all'attestazione da parte dell'autore/i, che si assume la responsabilità esclusiva alla divulgazione di elementi normalmente coperti da segreto professionale.
  7. La stesura degli articoli dovrà rispettare i limiti di 30 righe per pagina, con 60 battute per riga. Preferibilmente, il testo dovrà essere scritto mediante programma di video scrittura e fornito sia su supporto cartaceo sia su floppy disk (indicando il nome del file e il tipo di programma utilizzato).
  8. Il testo dei lavori, scritto in lingua italiana, comprenderà: il titolo, il nome e cognome dell'autore/i, la qualifica professionale di ciascuno, il recapito postale, il numero telefonico, il codice fiscale, la firma per esteso del primo autore, una breve prefazione riassuntiva al massimo di 4 righe dattiloscritte, un riassunto conclusivo in italiano e in inglese ed eventuali Key - words.
  9. Se il testo è suddiviso in capitoli, sotto - capitoli e sotto - sotto - capitoli, dovrà presentare delle numerazioni indicative in cui la prima cifra indicherà il capitolo, la seconda il sotto capitolo e così via. Es. 1 capitolo, 1.1 sotto - capitolo, 1.1.1 sotto – sotto - capitolo.
  10. I comitati di visione e accettazione degli scritti pubblicabili decideranno, a loro discrezione, per i lavori ampi, la suddivisione in numeri successivi.
  11. La documentazione iconografica deve essere fornita in copie originali atte alla stampa (meglio la diapositiva originale e non un duplicato); dovrà essere ordinata secondo una numerazione normale progressiva e posta su fogli aggiuntivi; deve essere correlata di didascalie, anch'esse numerate e richiamate nel testo. Le immagini dovranno riportare i quattro punti cardinali per il loro corretto posizionamento.
    N.B.: Le diapositive sul telaio, le figure nel retro. Le eventuali tabelle vanno numerate con cifre romane. Gli autori devono farsi carico delle spese di riproduzione delle diapositive quando sono più di venti.
  12. I riferimenti bibliografici vanno posti al termine delle trattazioni, con ordine numerico progressivo ed alfabetico nel pieno rispetto delle norme internazionali, con il richiamo del numero d'ordine che compare nel testo.
  13. L'autore/i, sottoscrivendo i testi, si assume in proprio la responsabilità in ordine ai   contenuti ed alle illustrazioni.
L'editore assume la proprietà letteraria degli articoli che potranno, a sua discrezione, essere utilizzati per riproduzioni parziali o totali.